Olivieri 1882 dona parte del ricavato della vendita di Colombe online a sostegno dei bambini in difficoltà in Ucraina

Olivieri 1882 dona parte del ricavato della vendita di Colombe online a sostegno dei bambini in difficoltà in Ucraina

Dopo il sostegno agli ospedali del vicentino nel 2020, durante la prima emergenza Covid-19, abbiamo deciso di sostenere la Fondazione Città della Speranza, per aiutare i bambini ucraini che lottano contro il cancro.

La Pasqua di Olivieri 1882 ha anche quest’anno un focus legato alla solidarietà: dopo un primo contributo durante l'emergenza sanitaria del 2020, oggi ci siamo voluti impegnare sul fronte del conflitto che sta sconvolgendo l'Ucraina.

La nostra azienda guidata da Nicola Olivieri, da anni coinvolta in attività sociali e benefiche, ha deciso di rilanciare un'importante iniziativa, promuovendola tra tutto il suo pubblico: si tratta di devolvere una parte del ricavato dalla vendita di Colombe online a sostegno di chi ne ha più bisogno. La raccolta fondi di questa Pasqua sarà donata alla Città della Speranza, organizzazione oncologica pediatrica che attualmente aiuta i bambini ucraini nella lotta contro il cancro.

Ogni colomba venduta online contribuirà a raccogliere fondi

In questo momento di conflitto, abbiamo scelto di supportare chi ha più bisogno - spiega Nicola, sesta generazione della famiglia - Ci sentiamo in dovere di sostenere soprattutto i bambini più vulnerabili, che si trovano a combattere una doppia battaglia e che quindi oggi sono ancora in maggiore difficoltà”.

Olivieri 1882 sostiene da tempo le organizzazioni di beneficenza. Grazie al ricavato delle vendite della Colomba, già nel 2020 è riuscito a donare 10 mila euro al San Bortolo di Vicenza e al Cazzavillan di Arzignano, ospedali in prima linea nel curare pazienti affetti da Covid-19. Sosteniamo regolarmente anche le scuole e le cooperative sociali del nostro territorio.

Leggi di più

Together again! - Pitti Taste 2022
Pronti per la 5a edizione di Gourmandia! -  Olivieri 1882
Olivieri 1882 dice “presente!”  a Cibus 2022